Formazione Finanziata, le opportunità per le imprese del commercio, turismo e servizi

In questo momento di grande difficoltà pensare alla formazione del proprio personale non sembra la priorità. Eppure, il primo asset per il rilancio dell’economia è senza dubbio la valorizzazione delle competenze dei lavoratori, in quanto leva fondamentale per accrescere la competitività di qualsiasi tipologia di azienda. Per alcune realtà, però, l’investimento nella formazione risulta essere un’opzione marginale poiché considerata meramente come un costo, in termini economici e di tempo, ossia come qualcosa che, ora come ora, può essere tranquillamente sacrificata a favore di altre spese e attività.

E se la formazione fosse non solo gratuita, ma anche utile per la nostra impresa?

Se c’è una cosa che l’attuale emergenza sanitaria ci ha insegnato, è che occorre ottimizzare i tempi per poter cogliere al meglio le opportunità di ripresa. Perché, allora, non utilizzare questo periodo per potenziare il know-how aziendale e le skills del nostro team? Come? Per esempio, aggiornando i nostri collaboratori sulle tematiche che non si ha mai il tempo di affrontare quando l’attività lavorativa è a regime, oppure confrontandoci con docenti esperti sugli strumenti più adatti a migliorare la qualità dei nostri prodotti o l’efficienza dei processi organizzativi.

Ma quanto costa fare questo tipo di formazione in azienda? In realtà, molto meno di quello che immaginiamo.

Ci sono, infatti, numerose possibilità per finanziare la formazione dei dipendenti accedendo alle risorse messe a disposizione delle imprese dai Fondi Paritetici Interprofessionali. Un esempio? L’avviso 3/19 del Fondo For.Te attraverso il quale, grazie a uno stanziamento di 55.000.000,00 euro, è possibile finanziare le attività formative delle imprese dei settori Commercio, Turismo e Servizi.

Per aiutare le aziende a cogliere questa straordinaria opportunità, Seac Cefor, in collaborazione con Confcommercio Imprese per l’Italia – Trentino,  ha avviato la programmazione della formazione per il prossimo biennio dedicata alle imprese dei settori Commercio Turismo e Servizi che parteciperanno al bando entro il 30 aprile 2021.

formazione crescita seac cefor

Come funziona?

Sulla base delle domande presentate della imprese del territorio, Seac Cefor  elabora un programma formativo, finanziabile dal Fondo For.Te, che risponda in modo concreto alle esigenze del momento.

Chi può partecipare?

Tutte le imprese, dei settori Commercio Turismo e Servizi, che intendono usufruire dei finanziamenti per formare il proprio personale. Le imprese devono aderire al Fondo For.te (l’adesione è gratuita ed è verificabile attraverso il codice fiscale dell’impresa) e al Piano Formativo.

Come aderire?

È sufficiente rispondere ad un breve questionario online e compilare il modello di adesione al Piano. L’adesione non è vincolante, non comporta costi e la scelta dei corsi può essere modificata in qualsiasi momento.

Quali corsi?

I corsi possono essere scelti dal catalogo formativo di Cefor o creati ad hoc in base alle richieste dell’impresa. I corsi potranno essere realizzati in modalità online o in presenza.

Perché aderire adesso?

Nel mese di maggio scadranno i termini di presentazione per l’avviso 3/19 del Fondo For.te, l’ultimo bando attualmente disponibile per le imprese del Commercio Turismo e Servizi. Partecipare a questo bando significa “prenotarsi” ore di formazione per i prossimi due anni da sfruttare poi nei modi e tempi più congeniali all’attività lavorativa.

Per partecipare, compila il form online su. https://bit.ly/Forte_fabbisogni

Per maggiori informazioni, contattaci allo 0461/805468